Irish 4 The People

le nuvole fra la testa

La Musica Nel Cuore dicembre 20, 2009

Filed under: Irish su Irish,Muzik — persulla @ 11:02 pm
Tags: , , , , , ,

stasera ho guardato un film molto bello con la mia mamma e il mio papà. si chiama “La Musica Nel Cuore”.

il commento a caldo della mia mamma, proprio appena sono iniziati i titoli di coda, è stato “che bello, è proprio una fiaba”.

…e il mio papà ha detto “sì, una fiaba ma nondel tutto. rappresenta benissimo quello che uno sente quando la musica ce l’ha dentro…e quella felicità che prova quando riesce ad esprimerlo tramite la musica stessa…”

io non ho detto niente. sono andata in camera e mi sono messa a piangere.

è tutta la vita che io “faccio tante cose”. ho studiato in scuole tra loro molto diverse, ho fatto volontariato per tantissime associazioni, ho visto tante città e paesi diversi, conosciuto tante, tante, ma proprio tante persone. mi sono fatta amare, mi sono resa antipatica, mi sono fatta ammirare, invidiare, compatire, prendere per il culo, imbrogliare.

ma…è tutta la vita che tutto ciò mi distrae. dalla musica. dalla mia musica. dalle mie canzoni. quelle che ho scritto, quelle che scrivo e quelle che scriverò. perchè forse vorrei smettere, ma non ci riesco. perchè la vita che mi sto costruendo mi piace, o meglio, mi piacerebbe forse di più, se io non sapessi dentro me che, per quanto bella sia, per quante soddisfazioni mi dia, è solo un gran bel pagliativo.

“chi è causa del suo mal…almeno non si lamenti”  è una delle mie espressioni tipiche.

non mi lamento, infatti. se piango, è perchè ce l’ho con me, e con me soltanto.

la verità è che ho una paura fottuta a seguire il mio cuore. a seguire la musica. è come essere innamorati, no? è la stessa paura. la paura di non essere all’altezza. non tanto quella di sbagliare, ma…di essere delusi. e di deludere, forse questo ancora di più.

se un giorno troverò il coraggio per portare davvero al mondo la mia musica, al mondo chiedo una cosa, una soltanto: di non odiarmi, se lo deluderò.

Annunci
 

How To Make An American Quilt ottobre 31, 2009

“Vi dirò che cosa mi rende felice di sposare Sam.
So che il nostro matrimonio ha la stessa possibilità
di essere meraviglioso o di fallire.
In ogni caso, conto sul nostro amore reciproco
per credere un po’ più intensamente nel meraviglioso.
Come dice Anna, quando si realizza una trapunta
bisogna scegliere attentamente le combinazioni.
Le scelte giuste valorizzeranno la trapunta,
quelle sbagliate soffocheranno i colori,
offuscandone la bellezza originale.
Non ci sono regole da seguire.
Bisogna seguire l’istinto.
E bisogna avere coraggio.”

(tradotto a braccio dal copione originale di “How To Make An American Quilt – Gli Anni Dei Ricordi”, 1995, Regia di Jocelyn Moorhouse)

…non mi sento di aggiungere altro.  per ora.

 

Artigianale giugno 20, 2009

Filed under: Arti figurative — persulla @ 2:32 pm
Tags: , , , , , , , , ,

qualche sera fa una persona mi ha parlato del significato della parola “artigianale”.

da allora ho inspiegabilmente ripreso una parte delle attività che stavo tralasciando da forse troppo tempo. riadattare vecchie gonne, magliette, pantaloni, tagliando, annodando, colorando, aggiungendo.

Ri- Creando.

e…ho inventato un nuovo personaggio, che si chiama irish come me e vive nel mondo delle nuvole. insieme alla ragazza dei disegni ispirati da “l’epoca delle passioni tristi” diventerà il mio simbolo. appena ho tempo di scannerizzare il tutto pubblicherò.

la novità, comunque, è soprattutto che sono schizzi fatti a penna direttamente su foglio, senza correzioni, e poi colorati a pennarello. l’effetto fa molto cartone animato, mi piace assai.

due personaggi…due facce, come uno dei cattivi di batman: l’una tutta fiorellini e sorrisi, l’altra tutta lacrime e cemento.

come dire…althea e nell.

(nell è la mia seconda canzone con arrangiamento ad opera di zappia che inciderò presumibilmente giovedì nello studio di biko)