Irish 4 The People

le nuvole fra la testa

La Musica Nel Cuore dicembre 20, 2009

Filed under: Irish su Irish,Muzik — persulla @ 11:02 pm
Tags: , , , , , ,

stasera ho guardato un film molto bello con la mia mamma e il mio papà. si chiama “La Musica Nel Cuore”.

il commento a caldo della mia mamma, proprio appena sono iniziati i titoli di coda, è stato “che bello, è proprio una fiaba”.

…e il mio papà ha detto “sì, una fiaba ma nondel tutto. rappresenta benissimo quello che uno sente quando la musica ce l’ha dentro…e quella felicità che prova quando riesce ad esprimerlo tramite la musica stessa…”

io non ho detto niente. sono andata in camera e mi sono messa a piangere.

è tutta la vita che io “faccio tante cose”. ho studiato in scuole tra loro molto diverse, ho fatto volontariato per tantissime associazioni, ho visto tante città e paesi diversi, conosciuto tante, tante, ma proprio tante persone. mi sono fatta amare, mi sono resa antipatica, mi sono fatta ammirare, invidiare, compatire, prendere per il culo, imbrogliare.

ma…è tutta la vita che tutto ciò mi distrae. dalla musica. dalla mia musica. dalle mie canzoni. quelle che ho scritto, quelle che scrivo e quelle che scriverò. perchè forse vorrei smettere, ma non ci riesco. perchè la vita che mi sto costruendo mi piace, o meglio, mi piacerebbe forse di più, se io non sapessi dentro me che, per quanto bella sia, per quante soddisfazioni mi dia, è solo un gran bel pagliativo.

“chi è causa del suo mal…almeno non si lamenti”  è una delle mie espressioni tipiche.

non mi lamento, infatti. se piango, è perchè ce l’ho con me, e con me soltanto.

la verità è che ho una paura fottuta a seguire il mio cuore. a seguire la musica. è come essere innamorati, no? è la stessa paura. la paura di non essere all’altezza. non tanto quella di sbagliare, ma…di essere delusi. e di deludere, forse questo ancora di più.

se un giorno troverò il coraggio per portare davvero al mondo la mia musica, al mondo chiedo una cosa, una soltanto: di non odiarmi, se lo deluderò.

 

Nuovi Mondi agosto 27, 2009

a pranzo con mio fratello si parlava dell’uomo, come fossimo due saggi.

sembrava di essere due personaggi di un romanzo di Pavese. sarà forse che sono andata da mia nonna a dormire e le ho preso in prestito “Il Compagno”, e io sono facilmente suggestionabile, se un libro mi piace.

ho iniziato questo articolo con l’intenzione di spiegare le parole che ci siamo scambiati. poi ho riflettuto che non aveva un grande senso.

ma ho pensato che avesse molto più senso scrivere un invito a discutere.

io sono assolutamente un animale sociale, e dal contatto con gli altri prendo vita, assorbo molto ciò che mi è detto, comunicato, espresso. rielaboro poi, parte inconsciamente e parte consciamente, per arrivare a trasformarmi di continuo. e questo, soprattutto, mi fa sentire viva, come se fossi sempre nei primi anni di vita, con una curiosità bambina e un entusiasmo generale per il mondo, i luoghi, le esperienze, le persone nuove.

ho pensat che forse oggi si parla troppo poco.

mi correggo: si parla molto. ma si parla del meteo. dei trasporti. dei parcheggi che non ci sono. dei prezzi salati. delle norme sulle biciclette. di culi piccoli e tette grosse.

io mi sento viva quando parlo dell’uomo. e parlare dell’uomo significa parlare di ciò che esso usa per esprimersi, e sentirsi vivo a sua volta. l’arte, in tutte le sue forme. e parlare d’arte non significa dire quanto sia bravo tal gruppo musicale, quanto siano belli i quadri di tal artista, quanto sia bravo a scrivere il tal scrittore, o il tal regista. significa, a mio parere, entrarci. capire. provarci, perchè è arduo capire. ma è anche stimolante per questo, no?

sì, come tutte le sfide.

siamo uomini, siamo passionali, legati alla terra, alla natura, ma il bello è che abbiamo anche la ragione, e questa non dev’essere solo un ostacolo, ma un non plus ultra, uno stimolo continuo a pensare, riflettere, e andare avanti, scoprire sempre nuovi punti di vista, nuovi mondi.

 

Just Some Stupid Drawings agosto 18, 2009

Filed under: Arti figurative — persulla @ 4:04 pm
Tags: , ,